DEAR SCHOOL

 

DEAR SCHOOL  Film Festival

 

Il Liceo Elsa Morante ottiene il terzo posto  al  “Dear School Film Festival”  con il cortometraggio VITTORIA 

Il Festival organizzato dall'Associazione culturale Ecole Cinéma in collaborazione con nla ONG LTM - Gruppo Laici Terzo Mondoconsiste in una rassegna di cortometraggi realizzati quali output delle attività dei laboratori di educazione alla cittadinanza globale ed educazione al giornalismo etico e critico, condotto nell’ambito del progetto “DEAR School: Scuola di Educazione alla Cittadinanza Globale e al Pensiero Critico” cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo.

 

Il progetto “DEAR School: Scuola di Educazione alla Cittadinanza Globale e al Pensiero Critico” vuole contribuire alla promozione di un nuovo modello di cittadinanza basato sulla comprensione delle interconnessioni tra Nord e Sud del mondo e sul senso di appartenenza ad una comunità globale per favorire l’impegno attivo in una società più inclusiva ed equa, sia a livello locale che mondiale. Il riferimento dell’intervento è all’Agenda 2030, in particolare alle tematiche dell’Obiettivo 10 – Ridurre le Disuguaglianze. Il progetto prevede il coinvolgimento di tutti gli attori delle comunità territoriali, a partire dalle scuole, nello sviluppo di metodologie e competenze volte all’accrescimento della consapevolezza sui temi del Sustainable Development Goal (SDG) 10 e allo sviluppo di pratiche di cittadinanza attiva, attraverso il protagonismo delle nuove generazioni e il confronto diretto tra persone, quartieri, paesi, in una prospettiva che parte dal locale e si estende al globale.Il Festival si inserisce pienamente nel perseguimento di tale obiettivo, dando voce ai ragazzi delle scuole secondarie di primo e secondo grado che, attraverso il cinema, raccontano il loro punto di vista sulle discriminazioni, le ingiustizie, i diritti umani.

 

Il Cortometraggio

Gli alunni delle classi 3E 3G 3I 3L del Liceo Elsa Morante hanno partecipato  al Festival con il cortometraggio dal titolo: Vittoria  

 

Giuria Giovani  

È composta da una rappresentanza di 28 ragazzi e ragazze delle scuole medie e superiori che hanno partecipato ai laboratori di Educazione alla Cittadinanza Globale e che assegna la Menzione Speciale Dear School Film Fest al film più rappresentativo secondo i criteri e gli standard di impatto scelti dalla Giuria. 

Hanno fatto parte della giuria giovani : Chiara Cacace e Noemi Esposito della classe 3 sez. G

I Giovani Reporter del Festival  

A raccontare, discutere e alimentare il dibatto è stato  chiamato un gruppo di studenti che hanno partecipato ai laboratori di giornalismo etico e critico. Come reporter del Festival, hanno docimentato  le giornate dell’evento con articoli di stampa e materiali audiovisivi, in stretto contatto con la direzione artistica e l’ufficio stampa dedicato, conducendo una diretta streaming dell’evento.

Hanno  fatto  parte della  redazione: Mario Pirone,  Emiddio D'Alessandro,  Emanuele Frezza della classe 3 sez G; Paola Piezzo,  Marianna Basso,  Salvatore Sedile  della classe 3 sez E.

Referenti scolastiche : prof.sse Ida De Rosa e Erslia Polcari

https://www.dearschoolfilmfest.it/festival/

 

Laboratorio di educazione critica alla produzione e al consumo mediale: Scuola di Giornalismo DEAR School – Scuola di Educazione alla Cittadinanza Globale e al Pensiero Critico

Il Liceo Elsa Morante ha partecipato al Laboratorio di educazione critica alla produzione e al consumo mediale «Scuola di Giornalismo DEAR School – Scuola di Educazione alla Cittadinanza Globale e al Pensiero Critico, finanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo. L’obiettivo è quello di sensibilizzare sui temi della ‘differenza’ quale valore centrale per la formazione di una cittadinanza globale attiva e responsabile e promuovere una cultura sostenibile e inclusiva.

Il percorso laboratoriale, attraverso un approccio pedagogico di tipo critico-comprensivo, mira a far emergere le rappresentazioni dominanti e spesso stereotipate relative alla diversità (d’età, di origine etnico-culturale, di religione, di stato socio-economico, di sesso, di genere e di orientamento sessuale) di cui i giovani sono spesso inconsapevoli portatori.

Il riconoscimento di atteggiamenti e comportamenti convenzionali servirà a sottolineare il ruolo che ciascun attore sociale ha nella produzione e nella riproduzione di discorsi che mirano a categorizzare, ridurre, marginalizzare ed escludere la differenza e fornisce le basi per riflettere su quanto le dinamiche quotidiane di inclusione/esclusione siano agite anche a livelli sociali più ampi attraverso l’analisi critica di alcuni prodotti culturali (musica, film, programmi e serie tv, pubblicità, pagine web e social, giornali e riviste) che fanno parte della dieta mediale dei giovani.

 

Le referenti del progetto: prof.ssa Ida De Rosa - prof.ssa Ersilia Polcari

Galleria Foto